April 17th, 2009

Michiru

Deliri pre-nanna ♥

Piccoli festeggiamenti et deliri prima della nanna: ho finito i cinquanta capitoli di "Long Way Home", anche se a voi ci vorrà ancora un po' prima di leggerli tutti; come al solito, a caldo, non ho molto da dire, perciò mi riservo la postfazione chilometrica sul finale.
Inarrestabile, ho ficcynato una cosina su Seishiro-chan che ho in mente da più di un mese (Tesso', è quella famosa idea che mi è venuta sul treno di ritorno da Pisa!), perciò sono contenta e conigliosa.
A disturbare questa atmosfera di quasi normalità c'è il mio cane, che potete ammirare qui in una delle sue pose classiche degli ultimi tempi:

Unlimited Free Image and File Hosting at MediaFire


Come definirla? Lei mozzica; no, non "morde", mozzica proprio! Il fatto è che la signorina (che è diventata graaaande, dall'ultima volta che vi ho postato una sua foto: è passata da 30 a ben 50 centimetri scarsi di lunghezza! E pare sia la sua stazza definitiva *___*) sta mettendo i dentini, quindi azzanna tutto ciò che vede, un po' per fastidio, un po' per gioco. Nella foto la vedete nella sua posa prediletta: con qualcosa di "bastoniforme" tra le fauci, le orecchie dritte (più grosse della testa), pronta per la lotta. Sì, perché se, all'inizio, la signorina di accontentava di un placido "tiro del *inserire nome dell'oggetto: qualunque, dalla braciolina di gomma allo stivale più grosso di lei*", adesso è andata oltre e io, ovviamente, sono la sua vittima preferita. In casa dicono che mi abbia scelta come padrona, a me sembra solo che la principessa mi abbia eletta a suo giullare, ma vedremo XD
Dicevo: se prima, quando le tiravi (un oggetto a caso) la carota di gomma che fa "squeee" se la schiacci, lei si limitava a riportarla: adesso ha appreso un nuovo gioco; visto che io sono stronza, mi diletto spesso a sventolarle davanti al naso un giocattolo e ad allontanarlo appena lei accosta le fauci.
Ecco, ha attualmente imparato a farlo lei con me.
Mi spiego meglio: afferro la carota di gomma, gliela scaglio dall'altro capo della stanza (giusto per farle mollare il risvolto dei miei pantaloni o, peggio, le caviglie), e lei, invece di riportarmela e basta, mi si piazza davanti e me la porge; appena allungo una mano per prenderla, lei si tira indietro: come ritiro la mano, me la riporge.
Come ha detto giustamente Juu, ho un cane degno di me *____*;;;